Lewis Hamilton

Lewis Hamilton Campione 2008 e 2014 e forse 2015
Lewis Hamilton
un pilota che guida con il  cuore
Lewis è un Pilota di altri tempi conduce con il cuore e non solo con la mente, è un pilota che ridesta quei bei tempi dove il Pilota contava più del veicolo, i tempi di Fangio Ascari..........

Lewis Carl Davidson Hamilton Nato a Stevenage Regno Unito, il 7 gennaio 1985,
è un pilota automobilistico britannico,
dal 2013 pilota della Mercedes in Formula 1.
La sua famiglia materna è originaria dell'Inghilterra e la sua famiglia paterna è originaria di Grenada, da cui il nonno arrivò nel Regno Unito nel 1954. Hamilton è legato sentimentalmente alla cantante ex leader delle Pussycat Dolls, Nicole Scherzinger. Annoverato come uno tra i piloti più forti e talentuosi nel paddock di Formula 1, si distingue per il suo stile di guida molto aggressivo, per la sua tenacia e abilità nei sorpassi e per la sua velocità in qualifica, che lo rende un pilota completo e molto ostico per gli avversari.
Dopo aver vinto diversi campionati di kart in gioventù (nel 1995 vince il campionato cadetto britannico),
Hamilton è messo sotto contratto dalla squadra McLaren di Formula 1 dall'età di 12 anni; la scuderia diretta da Ron Dennis ha sponsorizzato il pilota nella sua scalata attraverso le serie minori dell'automobilismo. Nel 2000 è campione Europeo di Kart Formula A e l'anno successivo esordisce in Formula Renault. Nel 2003 conquista il titolo in questa categoria, con 10 successi in 15 gare. Diviene campione nella classe Euro Series F.3 due anni più tardi, anche in questo caso dominando la stagione con 15 primi posti in 20 corse. Nella stagione 2006 ha esordito nella serie GP2 con la ART Grand Prix sostituendo il campione uscente Nico Rosberg e ponendosi subito in testa al campionato, vincendo per due volte entrambe le gare del weekend della serie in aggiunta alla Gara di Montecarlo, per poi conquistare il titolo nell'ultimo appuntamento di Monza. Grazie alla vittoria nel campionato GP2 il patron della McLaren Ron Dennis, che lo ha "allevato" nel corso degli anni, ha annunciato la notizia del suo ingaggio il 24 novembre 2006.

lewis ne Gran premio  della Malesia 2007

Lewis e Fernando appaiati
nel gran premio del Canada

Nel gennaio 2008 ha firmato un contratto di 138 milioni di dollari con la McLaren fino al 2012. I dettagli contrattuali prevedono una cifra base di 17 milioni di euro per il 2008, più altri sei milioni nel caso in cui riuscisse a vincere il campionato. Entrambe le parti avrebbero inoltre la possibilità di prolungare l'accordo.

Durante i test pre-mondiali della stagione 2008, a Barcellona dei tifosi di Fernando Alonso lo hanno schernito con striscioni e magliette offensive e razziste sull'argomento del colore della pelle e credenze religiose.

Per piacere amici dello Sport; lasciamo stare il colore della pelle e la Religione
queste cose nello Sport non c'entrano


Lewis nel Gran Premio d'Ingjilterra 2008

La stagione 2008 è comunque iniziata con una vittoria, seguita da due gare in cui il pilota ha commesso vari
errori, in particolare in Bahrain, mancando anche la zona punti. A Monaco dopo una gara molto movimentata e segnata da una piccola disavventura per lui legata al leggero urto contro una barriera che lo ha costretto al rientro ai box, ha trionfato mentre nella gara successiva, in Canada dopo una sosta ai box nella quale han preso parte altri piloti, è andato a tamponare Räikkönen il quale stava uscendo anche lui dalla pit lane trovando però il semaforo rosso. Il ferrarista (con la BMW di Robert Kubica al suo fianco) ha alzato il piede e Lewis, un po' disattento, non accorgendosi del semaforo, ha urtato il retrotreno della monoposto dell'avversario compromettendo la gara sua e del finlandese.
Dopo una gara opaca in Francia, Hamilton conquista due vittorie consecutive in Gran Bretagna e in Germania: a Silverstone, sul bagnato, Hamilton sfodera una delle sue migliori gare; ad Hockenheim, il pilota inglese controlla per tutta la gara e solo nei giri finali, dopo l'ingresso della safety car, deve impegnarsi per riprendere la prima posizione.
Dopo queste due vittorie, il pilota britannico subisce un leggero stop nel Gran Premio d'Ungheria nel quale, dopo aver forato una gomma, riesce a classificarsi solo quinto. Le cose andranno meglio nel Gran Premio d'Europa dove arriva secondo alle spalle del ferrarista Felipe Massa. Al Gran Premio del Belgio conquista la pole e vince la gara sotto un improvviso diluvio dopo un discusso sorpasso a Kimi Raikkonen a due giri dalla fine. I commissari di gara però, nonostante il direttore di gara Charlie Whiting avesse, durante la corsa, comunicato due volte al team la regolarità della manovra, decidono in serata di infliggere 25 secondi di penalità per taglio di chicane, che declassano Lewis al terzo posto.
Nel Gran Premio di Singapore Hamilton lotta con Felipe Massa e Kimi Raikkonen per la prima posizione, ma un incidente di Nelson Piquet Jr.. costringe la safety car ad entrare in pista stravolgendo la classifica. Hamilton riesce a limitare i danni recuperando posizioni e classificandosi terzo, mentre la vittoria va al rivale Alonso. Successivamente nel Gran Premio del Giappone Hamilton parte in pole deciso a dominare il gran premio, ma al via il finlandese Raikkonen riesce abilmente a scavalcarlo, tuttavia pensando di avere uno spiraglio in cui reinfilarsi, Hamilton finisce "lungo" trascinandosi dietro le due Ferrari. Quattro vetture finiscono lunghe nelle due curve successive perdendo posizioni, con Hamilton dietro all'avversario principale per il titolo Felipe Massa che supera dopo poche tornate. Il brasiliano però non molla e tagliando la chicane tocca con l'anteriore destra l'inglese, mandandolo in testacoda. Hamilton si trova così in ultima posizione. Successivamente Felipe Massa sarebbe stato penalizzato con un drive-through per il sorpasso pericoloso, sanzione comminata anche ad Hamilton per aver forzato Kimi Raikkonen nella prima curva ad andare lungo. Di questa lotta ne avrebbe approfittato nuovamente Fernando Alonso, ancora vincitore.
Dopo la vittoria nel Gran Premio della Cina Hamilton ha 7 punti di vantaggio su Massa: ciò significa che gli è sufficiente un quinto posto nell'ultimo Gran Premio del Brasile per laurearsi campione del mondo: a 5 giri dal termine della gara inizia a piovere sul circuito e dopo il valzer dei pit stop Hamilton si ritrova arretrato dalla 4ª alla 5ª posizione, tallonato da Sebastian Vettel. La pioggia mette in difficoltà Hamilton che subisce il sorpasso di Vettel a 3 giri dal termine. A sole due curve dal traguardo, Timo Glock su Toyota, subisce il sorpasso sia di Hamilton che di Vettel, in quanto non essendosi fermato per il cambio gomme, correva con gomme d'asciutto nonostante la pista fosse bagnata. Hamilton conclude la gara al 5º posto laureandosi come il più giovane campione del mondo della storia a soli 23 anni 9 mesi e 26 giorni (record poi migliorato da Sebastian Vettel nel 2010). Inoltre, è anche il primo pilota di colore a conquistare il titolo mondiale della massima serie.
Grazie a questo risultato, uno scommettitore del Cambridgeshire ha vinto 125.000 sterline, avendo scommesso nel 1998 che il tredicenne Lewis sarebbe diventato campione del mondo prima dei 25 anni. Lo stesso scommettitore, l'anno precedente, aveva vinto altre 40.000 sterline grazie alla scommessa che Hamilton avrebbe vinto la sua prima gara di formula 1 prima dei 23 anni.

Dopo altri quattro anni "infruttuosi" con la McLaren, nel 2013 Firmo per la Mercedes.
Le insistenti voci di corridoio che lo volevano in Mercedes a partire dal 2013 trovarono conferma il 28 Settembre 2012, quando arrivò l'ufficialità sul sito della casa di Stoccarda. L'Inglese prende quindi il posto di Michael Schumacher, che avrebbe annunciato il ritiro dalle competizioni qualche giorno dopo, il 4 ottobre 2012.
Vedremo cne succedera, perche nella Mercedes, se la deve vedere con il suo compagno di squadra Nico Rosberg, che non vuole essere il secondo:...

Dopo una deludente stagione 2013 con la Mercedes
Malesia 2013

Il 2014 ha avuto un inizio fenomenale, le due mercedes vanno
come razzi, doppiette sopra doppiette;
lasciano tutti come se stessero fermi ( sono 2 sek. piu veloci, al giro ) Durante tutta la stagione ci sono stati duelli emozionanti tra Lewis e Nico sorpassi sopra sorpassi era da molto tempo
Lewis al GP di Cina 2014
che non si vedeva qualcosa del genere in F1. Arrivarono all'ultima Gara quella di Abu Dhabi con solo 17 punti di disdvantaggio per Nico Rosberg, ma siccome all'ultima Gara c'era doppio punteggio, nico haveva ancora tutte le possibilità di proclamarsi campione,pero fu ancora una volta perseguito
dalla jella   il suo motore  perse potenza giá nie primi giri,  e uno dopo l'altro lo passarono tutti.
Così che Lewis dopo vinto 11 dei 19 Gran Premi, si porta a casa il suo secondo campionato questa volta con la freccia d'argento.
E la Mercedes vince il campionato con un vantaggio enorme sugli avversari 701 punti contro i401 della Red Bull i 302 della Williams e i 216 della Ferrari.

Lewis "celebrand o" la vittoria in Canada

Anche nel 2015 la Mercedes si rivela la monoposto migliore del lotto sin dai test invernali. Hamilton inizia la stagione cogliendo pole position e vittoria nel Gran Premio d'Australia, precedendo il compagno di squadra Rosberg sia in griglia di partenza che sul traguardo.

Lewis Hamilton nel Gran Premio di Malesia

Nel successivo Gran Premio della Malesia il pilota britannico conquista la pole position, venendo però battuto in gara da Sebastian Vettel su Ferrari. Hamilton torna poi alla vittoria in Cina e in Bahrein, dopo essere scattato dalla pole position in entrambe le occasioni.
Poco prima del Gran Premio di Monaco, la Mercedes annuncia il prolungamento del contratto del pilota inglese per altre tre stagioni, sino al 2018. A Monaco ottiene la pole, ma in gara chiude solo 3º dopo aver dominato la gara a lungo: rientra ai box durante i regimi di safety car e si ritrova terzo. A Montreal ottiene una vittoria dopo essere partito in testa. Nel successivo Gran Premio d'Austria ottiene la sua 45° pole position. Nonostante la partenza dalla pole position, viene superato al via dal compagno di squadra Rosberg e termina la gara in seconda posizione. Al termine del gran premio, Hamilton vede quindi il suo vantaggio su Rosberg ridursi a soli 10 punti. Nel Gran Premio di Gran Bretagna l'inglese ritorna alla vittoria. Dopo la pole del sabato, in gara parte male ma sul finale con pioggia battente Lewis azzecca il momento del pit-stop e beffa Rosberg sul finale di gara e vince davanti al tedesco della Mercedes e Vettel. Al successivo appuntamento in Ungheria, Hamilton scatta dalla prima posizione ma, a causa di una brutta partenza viene superato subito da Vettel, Raikkonen e Rosberg finendo in quarta posizione, che manterrà solo per pochi secondi a causa di un errore durante un tentativo di sorpasso sul compagno di squadra. Dovendo rimontare dalla decima posizione, ormai escluso dalla lotta per la vittoria sarà protagonista di alcuni errori nelle ultime fasi della gara che lo relegheranno alla sesta posizione finale.
Nel successivo appuntamento a Spa, Hamilton firma la sua trentanovesima vittoria dopo essere partito dalla pole position e aver battuto il proprio compagno di squadra arrivato secondo. Due settimane dopo domina il Gran Premio d'Italia arrivando primo con 25" di vantaggio su Vettel ed ottenendo la sua 40° vittoria in carriera (ad un successo di distanza dal pilota tedesco ed Ayrton Senna), che lo porta a 53 punti di vantaggio sul compagno di squadra Rosberg. Ottiene inoltre il secondo grand chelem della carriera con pole position, giro veloce, gara e rimanendo in testa dal 1° all'ultimo giro. Al termine della gara si verifica un'indagine riguardo una possibile pressione irregolare degli pneumatici della Mercedes, ma dopo chiarimenti effettuati dalla squadra tedesca non si ricorre ad alcuna sanzione. Nel successivo Gran Premio di Singapore, la Mercedes è in difficoltà e Lewis è costretto al primo ritiro stagionale. Vince sia in Giappone sia in Russia, nonostante fosse stato il compagno Nico Rosberg a conquistare la pole position.
Il 25 ottobre vince il Gran Premio di Austin e conquista matematicamente il terzo campionato del mondo piloti dopo una gara caratterizzata da una condizione di umido iniziale e il successivo cambio gomme dalle intermedie alle slick, con l'asciugarsi della pista, oltre alle numerose safety car normale e virtuali, dovute a diversi incidenti e ritiri (in totale otto nel gran premio) che hanno più volte spezzato il ritmo della gara. Nel gran premio del Messico parte secondo e termina secondo, in Brasile dopo aver dominato prove libere e le prime due sessioni di qualifiche, nella sessione cruciale si fa beffare dal suo compagno Nico Rosberg per 87 millesimi, in gara terminerà 2°
Hamilton che vince il GP di Monaco


Nel 2016
Il 2016 sembra iniziare bene per il pilota britannico, con la conquista della 50ª pole in carriera nel GP d'Australia. In gara Hamilton, scattato malissimo, non riesce ad imporre il proprio ritmo trovandosi 6° dopo il primo giro. Grazie alla bandiera rossa, a causa dell'incidente di Fernando Alonso, il pilota della Mercedes riesce a limitare i danni risalendo fino alla 2ª posizione, dietro al vincitore della gara, il compagno di squadra Nico Rosberg. Al secondo appuntamento della stagione in Bahrein ottiene la sua 51ª pole position, siglando anche il record del circuito, ma alla partenza della gara viene superato nello scatto da Rosberg, e alla prima curva viene urtato dal finlandese della Williams Bottas (successivamente penalizzato con un drive through). Il contatto ha compromesso l'aerodinamica di Hamilton che malgrado le difficoltà, il tre volte campione del mondo riesce tuttavia a rimontare, terminando la contesa in 3ª posizione. Nelle successive due gare, in Cina e Russia, Hamilton accusa problemi di affidabilità nelle qualifiche dovendo partire in ultima posizione in Cina e decimo in Russia. Mentre nel GP di Cina Hamilton non riesce ad andare oltre il settimo posto, penalizzato da un incidente al via con lo Svedese della Sauber Marcus Ericsson, in Russia l'Inglese della Mercedes riesce a rimontare arrivando secondo, dietro al compagno di squadra Nico Rosberg. Malgrado l'evidente superiorità tecnica della Mercedes, i ripetuti problemi di affidabilità della vettura di Hamilton portano alcuni sostenitori della scuderia tedesca ad ipotizzare una possibile cospirazione contro il campione del mondo in carica, ma queste teorie vengono fermamente negate dal direttore esecutivo Toto Wolff.
Durante il successivo Gran Premio di Spagna, dopo aver realizzato la pole position in qualifica, nel tentativo di superare Rosberg (che lo aveva superato al via) finisce nell'erba e cercando di riprendere il controllo della vertura, colpisce il suo compagno di squadra, eliminando così entrambe le Mercedes dalla gara già alla terza curva. Nel Gran Premio di Monaco, dopo essere scattato dalla terza casella, riesce prima a superare il compagno di scuderia Nico Rosberg, poi con una grande strategia su una sosta passa il leader Daniel Ricciardo, vincendo la sua prima gara dell'anno. In Canada, dopo aver fatto la pole position, scatta male ma riesce a vincere sopravanzando Sebastian Vettel, grazie ad una tattica più conservativa. Nel Gran Premio d'Europa chiude quinto, dopo essere scattato dalla decima piazza per via di un incidente in qualifica. Nel successivo Gran Premio d'Austria ottiene la pole position davanti a Rosberg, che viene penalizzato di cinque posizioni e parte sesto In gara si trova secondo dietro al compagno di scuderia che ha rimontato fino alla testa, ma all'ultimo giro tenta di sorpassarlo e i due entrano in contatto. Hamilton vince e Rosberg termina quarto con la monoposto danneggiata riducendo lo svantaggio in classifica generale a 11 punti dal compagno di squadra. Nel Gran Premio di casa in Gran Bretagna, Hamilton vince agevolmente, dopo aver segnato anche la pole position in qualifica. Con questa vittoria (la quarta in Gran Bretagna, la terza consecutiva) accorcia lo svantaggio dal compagno di squadra Nico Rosberg a solo una lunghezza, complice una penalizzazione di quest'ultimo. Vince sia in Ungheria sia in Germania, prendendo la leadership del mondiale.
Nel successivo gran premio del Belgio arriva con un vantaggio di 19 punti sul compagno di squadra Nico Rosberg.
La sua scuderia decide di cambiare durante le prove libere la Power Unit, il motore, e alcuni componenti di quest'ultimo che gli costano da regolamento delle penalità.
Lewis,insieme al suo team, decide di non svolgere le qualifiche, poiché la sua posizione di partenza sarebbe stata in ogni caso dalla penultima casella.
Questa decisione gli permette di avere un vantaggio sui piloti davanti, ossia di avere un set di gomme dure come gomme da partenza in modo di effettuare un primo stint di gara più lungo. Hamilton, in una gara ricambolesca caratterizzata da una bandiera rossa e numerosi ritiri, riesce a concludere il gran premio salendo sul gradino più basso del podio. Il vincitore è Rosberg che diminuisce il distacco dal pilota britannico di 10 punti. In Italia arriva secondo, dopo aver perso la possibilità di lottare per la vittoria in partenza. A Singapore chiude terzo, mai in lotta per la vittoria. In Malesia, mentre era in testa, è costretto a ritirarsi per problemi al motore.In Giappone chiude terzo, non riuscendo a sorpassare Max Verstappen nei giri finali. Negli Stati Uniti d'America domina la gara dopo essere partito dalla pole, concludendo primo davanti a Nico Rosberg e riducendo lo svantaggio a 26 punti da quest'ultimo nel mondiale. In Messico arriva un'altra vittoria che gli consente di eguagliare Alain Prost al secondo posto della classifica dei piloti con più vittorie di tutti i tempi e di tenere il mondiale aperto con 19 punti di distacco dal compagno di scuderia a due gare dalla conclusione. Il britannico vince in Brasile davanti a Rosberg, ritrovandosi a sole 12 lunghezze di distacco.
Ad Abu Dhabi vince dalla pole, ma non gli basta perché Nico Rosberg è secondo e perde il titolo di soli 5 punti. Tuttavia si rende protagonista di una condotta di gara discussa poiché rallenta il retrostante Rosberg nella speranza di far raggiungere Sebastian Vettel e Max Verstappen negli ultimi giri (nonostante i ripetuti richiami via radio) negli ultimi 10 giri. Alla fine vince ma amaramente secondo nel mondiale con 10 vittorie e 380 punti.

CONTINUARA nel 2017





Nessun commento:

Posta un commento